“INSIEME” LE 7 PARROCCHIE DELLA NOSTRA UNITÀ PASTORALE

Home » “INSIEME” LE 7 PARROCCHIE DELLA NOSTRA UNITÀ PASTORALE
09 - Mar - 2020
Incontro

mani che collaborano

Care comunità di San Costanzo, Santa Maria di Colle, Santo Spirito, Sant’Antonio da Padova, Santi Biagio e Savino, San Ferdinando e San Domenico,
è ufficiale dal pomeriggio di domenica 8 Marzo la posizione della Conferenza Episcopale Italiana e la seguente nota della Conferenza Episcopale Umbra che riportiamo per intero in questa lettera:

A seguito del Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri entrato in vigore quest’oggi 8 marzo per contrastare la diffusione del “coronavirus”, e a completamento della Nota della Conferenza Episcopale Umbra del 5 marzo u.s. i Vescovi della Regione Ecclesiastica stabiliscono la sospensione della celebrazione di tutte le SS. Messe feriali e festive con la presenza dei fedeli in tutte le chiese e santuari della Regione, fino a venerdì 3 aprile p.v. compreso.
Tra le “cerimonie civili e religiose” il Decreto governativo include esplicitamente anche i funerali. Il rito funebre dovrà dunque essere celebrato senza Messa, direttamente al cimitero, alla presenza dei soli stretti familiari, secondo quanto previsto al cap. IV del Rito delle Esequie.
Queste ulteriori restrizioni generano sofferenze e difficoltà nei Pastori, nei sacerdoti e nei fedeli. Attraverso il grave sacrificio richiesto ai credenti, la comunità cristiana intende assicurare il proprio significativo contributo alla tutela della salute pubblica, collaborando lealmente con le Istituzioni civili in questo momento di emergenza nazionale.
Nell’impossibilità di adempiere al precetto festivo ai sensi del can. 1248§2, i fedeli sono invitati a dedicare un tempo conveniente all’ascolto della Parola di Dio, alla preghiera e alla carità; possono essere d’aiuto le celebrazioni trasmesse tramite radio, televisione e in streaming sui siti internet e sui social. L’accesso ai luoghi di culto sia consentito ai singoli fedeli che vogliano recarvisi per la preghiera individuale, avendo cura che venga osservata la distanza di precauzione igienica.
Assisi, 8 marzo 2020.
+ Renato Boccardo

A partire da quanto i nostri pastori delle chiese umbre ci chiedono, possiamo dirvi che, come parroci di questa Unità Pastorale 2, ogni giorno celebreremo la messa nelle nostre rispettive chiese; nonostante non possiate partecipare come popolo alla celebrazione, vi invitiamo ad unirvi nella preghiera dalle vostre abitazioni come meglio potete.

Celebreremo secondo le intenzioni che potrete lasciare nelle rispettive agende parrocchiali.
Il suono delle campane che scandisce la giornata ci permetterà di ricordare il tempo della preghiera.

Ciascuno di voi conosce già canali televisivi, stazioni radio e social perché abbiate modo di vivere momenti di preghiera accompagnati da altri, ma quanto sarebbe ancora meglio poter scoprire questa sofferta bellezza pregando insieme con i vostri familiari per chi non è da solo nella propria abitazione o magari con il vicino di casa seguendo sempre le norme di sicurezza della distanza e dell’igiene?

In questo contesto, vi segnaliamo la messa che il Papa celebra tutte le mattine alle 7, dalla cappella di s Marta (anche lui senza il popolo): è trasmessa in diretta sul canale 28, o collegandosi https://www.facebook.com/vaticannews.it/videos/228887731581929/

Capiterà sicuramente a tutti il pensiero di trovare scappatoie per celebrare comunque, perché il disorientamento è tanto… ma noi preti per primi siamo chiamati all’obbedienza.

Crediamo che se saremo fedeli sul poco potremo imparare anche ad esserlo sul molto senza pretendere di fare di testa nostra.

Per ciò che riguarda i funerali, da quanto ci viene richiesto, in questo tempo difficile, avremo solo modo di pregare insieme con i soli stretti congiunti del defunto, senza poter celebrare la messa ma direttamente al cimitero.

Questo sarebbe stato, per noi parroci, il tempo della visita e la benedizione delle famiglie nelle case.

Per quanto riguarda S SPIRITO, le vie che erano in programma da giovedì 5 a giovedì 12 marzo, verranno visitate dopo la domenica di Pasqua, il 12 aprile: porteremo nuovi avvisi.

Le chiese resteranno aperte nei soliti orari senza subire variazioni, ci viene chiesto di non essere troppi e di frequentare comunque questi nostri luoghi per la preghiera personale mantenendo le dovute norme di precauzione igienica; noi faremo in modo che le panche e le superfici che inevitabilmente si toccano, siano sempre disinfettate.

Continuerà la preghiera di adorazione, durante la quale sarà possibile confessarsi, secondo i seguenti orari:
Santa Maria di Colle, il giovedì dalle 16.00 alle 19.00
Santi Biagio e Savino, il venerdì dalle 18.30 alle 21.00 e il sabato mattina dalle 9.00 alle 12.00
Santo Spirito,
il giovedì dalle 18.30 alle 19.30,
a Shalom; e – in questo tempo –
la domenica dalle 18.30 alle 19.30,
a S Spirito.
Abbiate sempre l’accortezza di sedervi, nella vostra preghiera personale, rispettando le norme igieniche che ci sono state richieste.

“La Carità non avrà mai fine” (1Cor 13,8) per questo il Centro d’Ascolto Caritas delle nostre parrocchie, adottando tutte le precauzioni dovute, e indicate dal Centro diocesano, resterà aperto negli ordinari orari.

Per il Catechismo dei bambini e ragazzi che si preparano alla vita cristiana, cercheremo, insieme ai catechisti, di far avere alle vostre famiglie del materiale di diverso genere per permettere che nelle tante ore da passare insieme, abbiate modo di ascoltare e dialogare, grandi e piccoli insieme. Al vostro buon cuore trovare il tempo opportuno e il modo perché questo tempo non sia vano.

Inoltre il gruppo scout e alcuni giovani delle parrocchie si sono resi disponibili per far si che le persone con più di 70 anni, o impossibilitate a muoversi, che preferiscono rimanere a casa abbiano un sostegno gratuito per la spesa al supermercato. Fatecelo sapere chiamando il numero dei giovani delle nostre parrocchie (375.5435976) e vi inseriremo nel programma.

Coscienti che questo non sarà un tempo troppo sereno, preghiamo gli uni per gli altri guardando alla Pasqua di Gesù che dona a ciascuno la speranza per restare e non fuggire in quello che la storia ci chiama a vivere.

I vostri parroci
don Saulo, don Pietro, padre Ennio, padre Francesco e don Luca

Categories: in evidenza, news